0

POETI STRANIERI: JEAN-CHARLES VEGLIANTE

POETI STRANIERI: JEAN-CHARLES VEGLIANTE

Jean-Charles Vegliante, nato a Roma da una famiglia italiana presto emigrata in Francia, compendia nella sua esperienza originale la presenza della grande poesia d’oltralpe con quella nostrana, in un ambito di vero bilinguismo profondo. Come ha sottolineato Giovanni Raboni è “un poeta che viene da una grande tradizione come quella francese, ma anche contemporaneamente da una grande tradizione come quella italiana, che risultano in qualche modo intrecciate, come se una filtrasse dentro l’altra e interagisse con l’altra non in momenti successivi, in una sorta di compenetrazione assoluta”. Una poesia colta e raffinata, ma lineare e fortemente segnata da un senso tutt’altro Continua a leggere →

0

GLI ARCHETIPI NELLA POESIA DI LUCIANA FREZZA

GLI ARCHETIPI NELLA POESIA DI LUCIANA FREZZA

Luciana Frezza, Comunione col fuoco. Tutte le Poesie (Editori Riuniti). Quella di Luciana Frezza, scomparsa a Roma, dov’era nata, nel 1992, può definirsi una presenza discreta nella poesia italiana del secondo Novecento. Conosciuta e stimata anche come traduttrice, soprattutto della poesia francese dell’Ottocento, richiesta per questo da editori come Einaudi Feltrinelli e Rizzoli, ha pubblicato in vita diverse raccolte a partire dagli anni cinquanta, tra cui ricordo La farfalla e la rosa, voluta da Giorgio Bassani nella biblioteca letteraria della Feltrinelli; la stessa dove apparve Le porte dell’appennino di Paolo Volponi, per restare in tema di poesia. Negli anni ha affidato la sua opera a piccoli Continua a leggere →

0

LA DOMINANTE LOGICA DI CARLA PAOLINI

LA DOMINANTE LOGICA DI CARLA PAOLINI

Ossessionato come sono dalla recente (giovanile o meno) s-vena poetica (cosiddetta), anemica poiché svenata e svenevole in una disperata quanto vana ricerca di superare senza danni gli abissi scoperchiati dal Novecento, e di resistere ai terrori di una sapienza freddamente se non sgradevolmente rivelatrice e priva quindi di consolanti orpelli post-romantici, confido che in questa occasione mi sia concesso di affascinarmi, letteralmente, di fronte alle ultime prove della poesia di Carla Paolini MODULATI/modulati (Anterem). In una analisi della poetica greca, ormai Continua a leggere →

0

ELIS ISLAND DI SILVIO RAMAT

ELIS ISLAND di Silvio Ramat

La figura di Silvio Ramat è una delle più autorevoli della poesia italiana che ha all’attivo un congruo numero di sillogi, pubblicate dai più prestigiosi editori e raccolte nel 2006 nel volume Tutte le poesie 1958-2005, edito da Interlinea. Alla sua attività di poeta, Ramat affianca quella di studioso della letteratura italiana, con un occhio di riguardo per la produzione novecentesca. In questo contesto ci limitiamo a ricordare il volume più recente di versi Continua a leggere →

0

UNGARETTI E LA POESIA PURA

UNGARETTI E LA POESIA PURA

Il Porto sepolto, scritto nell’inferno della prima guerra mondiale quando il poeta era al fronte sul Carso e pubblicato a Udine nel 1916 in soli ottanta esemplari, è senza dubbio il capolavoro di Giuseppe Ungaretti. Elemento chiave è la parola, la purezza della Parola così come sgorga nell’animo del poeta. Novità per la poesia italiana d’inizio Novecento: la parola come rappresentazione di se stessa e della sua misteriosa esplosione evocativa di un “qualcosa” che l’uomo sente “dentro” ma che difficilmente riesce a decifrare. E’ questo il compito della “nuova poesia”, di questa Continua a leggere →

0

RICORDO DI BARBERI SQUAROTTI

RICORDO DI BARBERI SQUAROTTI

Giorgio Barberi Squarotti è stato uno dei maggiori critici letterari italiani. Ha alle spalle trentasette anni di insegnamento (molti dei quali come professore ordinario di Letteratura italiana all’Università di Torino), e numerosi saggi di grande rilievo: da “Astrazione e realtà” del lontano 1960 agli studi fondamentali su Pascoli, D’Annunzio, Verga. Lo abbiamo incontrato nel 2003 nei Castelli Romani in occasione della presentazione del suo ultimo saggio, Addio alla poesia del cuore (Sovera editore). A chi gli chiede se in questi tempi così confusi possa esserci ancora Continua a leggere →

0

I PAESAGGI D’ANIMA DI FRANCESCA LUZZIO

I PAESAGGI D’ANIMA DI FRANCESCA LUZZIO

Leggendo Cerchi ascensionali (Il Convivio Editore) di Francesca  Luzzio, sono rimasto colpito dalla dimensione confessionale del libro, sull’onda di quel lungo esame di coscienza che fu il capolavoro di Sant’Agostino Le Confessioni. Si avverte  nei paesaggi dell’anima di Francesca  Luzzio, catturati dal “paesello”, da Palermo, dalla natura aspra ed incantata della Sicilia, un’attitudine alla riflessione costante, appena interrotta dalla capacità Continua a leggere →

0

BEVILACQUA POETA ORIGINALE

BEVILACQUA POETA ORIGINALE

In rapporto diretto con Giorgio Caproni, che gli riconobbe acutamente «lucida intelligenza» e «umana pietà», Alberto Bevilacqua l’autore dell’Indignazione dialogava da vicino con i registi che nutrivano più da vicino il suo immaginario filmico (Jean-Luc Godard e Stanley Kubrick, Roberto Rossellini e Miklós Jancsó) riconducendoli al tema incombente (poi autentico Leitmotiv della sua poesia) di una madre sulla soglia della follia, e tessendo i suoi versi nell’ordito di una trama apparentemente casuale rispetto al reale e nel grande deposito di una memoria Continua a leggere →

0

UNA POESIA DI GIORGIO CAPRONI MUSICATA DA JOE NATTA

UNA POESIA DI GIORGIO CAPRONI MUSICATA DA JOE NATTA

RITORNO

Sono tornato là / dove non ero mai stato. / Nulla, da come non fu, è mutato. / Sul tavolo (sull’incerato / a quadretti) ammezzato / ho ritrovato il bicchiere / mai riempito. Tutto / è ancora rimasto quale / mai lo avevo lasciato.

Giorgio Caproni

0

‘INSTALLAZIONI’ DI CARLA PAOLINI

‘INSTALLAZIONI’ DI CARLA PAOLINI

Installazioni di Carla Paolini  (Anterem) è un’antologia poetica anomala, che si apre con la stessa curiosa perplessità con cui varcheremmo l’ingresso di una galleria d’arte in cui sono ospitate le opere di un’artista sconosciuta. Ogni pagina diviene spazio espositivo in cui ci vengono presentate installazioni realizzate con materia linguistica. Sono strutture poetiche aperte e libere di ramificare in direzioni imprevedibili, osservate nel loro assumere consistenza al flusso Continua a leggere →