0

GLI OTTANT’ANNI DI LUCIO ZINNA

GLI OTTANT’ANNI DI LUCIO ZINNA

Il 27 di questo febbraio ha compiuto ottant’anni lo scrittore Lucio Zinna.  Notevole figura di intellettuale, poeta e saggista, nato a Mazara del Vallo, da sempre è stato considerato palermitano d’adozione, essendosi trasferito nella nostra città da ragazzo e quivi avendo sempre operato nel campo della promozione culturale e specificamente nel dibattito letterario, divenendone protagonista di primo piano. Promotore di gruppi e di riviste, tra le quali la prestigiosa Arenaria ancora oggi funzionante, attento osservatore delle vicende che hanno caratterizzato i fervidi Continua a leggere →

0

I LIBRI DI GIUSEPPE UNGARETTI

       

I LIBRI DI GIUSEPPE UNGARETTI

Giuseppe Ungaretti, Vita d’un uomo (1914-1952), “L’allegria”, “La terra promessa”, “Un grido e paesaggi”

 

0

LAGAZZI: 36 POETI ITALIANI CONTEMPORANEI

LAGAZZI: 36 POETI ITALIANI CONTEMPORANEI

In copertina il bel Marte dormiente di Piero di Cosimo suggerisce il tema che dà titolo e unifica i saggi di Paolo Lagazzi La stanchezza del mondo, Ombre e bagliori dalle terre della poesia (Moretti&Vitali), ma anche comunica (meraviglioso è il giovane dio!) il segreto dell’arte, quel sottile e perenne dono di verità e bellezza che affascina e consola. Lagazzi nella sua introduzione si sofferma sulla deriva della società presente, ne tratteggia, richiamando Umberto Eco di Apocalittici (i veri realisti? Si chiede) e integrati, il cammino verso una rassegnata “stanchezza”, Continua a leggere →

0

MONTALE

MONTALE

L’esperienza poetica di Eugenio Montale si definisce, con tutta l’ampiezza della sua “negatività”, nei termini della crisi della civiltà borghese occidentale. Ma la prospettiva di questa crisi è a tal punto individualizzata che le cose appaiono senza possibilità di soluzione e di futuro. Non ci sono, agli occhi di Montale, altre possibili società e altre possibili culture. Il crollo dei valori borghesi è, per Montale, il crollo dei “Valori”, di tutti i valori possibili. Parlano in Continua a leggere →

0

LA LEGGEREZZA DI GIULIANA PIOVESAN

LA LEGGEREZZA DI GIULIANA PIOVESAN

Il titolo della raccolta di Giuliana PiovesanLe immagini dell’aria (Biblioteca dei Leoni)evoca un senso di indeterminatezza, di leggerezza, che catapulta subito nell’atmosfera onirica, ariosa e ricca di musicalità dei suoi versi. Sono molti quelli che rivelano queste caratteristiche: «Mordeva vaga lo spicchio di luna  / quando nell’indaco del sogno il cielo  / ingoiava avido tutte le stelle -» (p. 30); «Mi sgusciavi sottile dalle mani / per lasciarmi intatta la tua Continua a leggere →

1

LE MARIONETTE DI LILIANA UGOLINI

LE MARIONETTE DI LILIANA UGOLINI
… In La Marionetta Vivente (Florence Art e Edizioni), osservando la “pallina terra” da marionetta vivente su un altro pianeta, Liliana Ugolini raccoglie una “miscellanea di scritti” ben consapevole di immetterli nel “grande incontrollabile della comunicazione”. Tutti invitati ad assistere al “Grande Teatro della Società”, il richiamo è a esserne per una volta spettatori piuttosto che quotidiani figuranti impegnati tra “Grandi Enigmi”, “Grandi Maschere” e “Grandi Costruzioni”. E per condurci in questa dolorosa consapevolezza Liliana stessa è Liù marionetta vivente che Continua a leggere →

0

OSSI DI SEPPIA DI MONTALE

    

Eugenio Montale, Ossi di seppia

Piero Gobetti Editore, 1925

Giuseppe Carabba Editore, 1941

Einaudi, 1942

0

POESIA E ALTERITÀ IN CATERINA DAVINIO

POESIA E ALTERITÀ IN CATERINA DAVINIO

Gli alieni siamo noi. E soprattutto quando, nei panni del turista, esploriamo l’altrove come per impossessarcene al più presto e di corsa catturarne le dovute prede di souvenir, sbarcando freschi freschi come da una potente astronave, ma restando inevitabilmente “intrusi”, “estranei” e “illegittimi” in un contesto che non ci prevede e che la vacanza non basta ad approcciare. In questo Alieni in safari / Aliens on Safari (Robin), Caterina Davinio pone con forza questo problema: il problema del rapporto con l’altro. Il pianeta si è rimpicciolito e i collegamenti aerei Continua a leggere →

0

LA SCRITTURA DI PAOLA PAROLIN

LA SCRITTURA DI PAOLA PAROLIN

Paola Parolin in E uscire alfine (Cierre Grafica – Anterem Edizioni 2018): “… il piano sequenza di vita / unica / in evoluzione / non per giustapposizione di esperienze / – vero viso vero nudo – / rivelato”. Brevità e concisione per una scrittura senza maiuscole, ove finanche gli accapo risultano fittizi di un discorso sospeso, distonico e audace. Altre volte del disimpegmo ma solo apparentemente, poiché la sintassi in realtà non sembra servire al linguaggio descrittivo dell’autrice basato non sulla narrazione bensì nell’adempiersi di una concezione ontologica del senso, Continua a leggere →

0

I LIBRI DI SERGIO CORAZZINI

I LIBRI DI SERGIO CORAZZINI

   

Liriche (Ricciardi, 1909 e 1959 con prefazione di Sergio Solmi)