0

LE IMPRONTE DI FABIO BARBON

LE IMPRONTE DI FABIO BARBON

Scrivere d’amore non è facile. Bisogna avere la mente sgombra dai luoghi comuni che il genere abusato ha disseminato nei meandri della nostra memoria: “Il verbo amare / è il più coniugato, / ma nei tempi e nei modi / è il più bistrattato” si legge, appunto, in una poesia di Femminili impronte (Biblioteca dei Leoni) di Fabio Barbon. Occorre disporre di quel passo sciolto che permette alla scrittura di scombinare il senso comune e i significati Continua a leggere →

0

GASTON BACHELARD SULLA POESIA 3

GASTON BACHELARD SULLA POESIA 3

L’immagine e la dialettica del grande e del piccolo

Dopo le pagine dedicate agli spazi dell’intimità, abbiamo voluto vedere come si presentava, per una poetica dello spazio, la dialettica del grande e del piccolo, come nello spazio estremo l’immaginazione godeva, senza l’aiuto delle idee, quasi naturalmente, del relativismo della grandezza. La dialettica del piccolo e del grande è distribuita sotto il segno della Miniatura e dell’Immensità. Le due cose non sono poi così antitetiche come si potrebbe pensare: nell’uno Continua a leggere →

0

LA POESIA DELLA SETTIMANA: PORTA

Antonio Porta

IN UN PUNTO
In un punto ci sono due magnolie giganti
e sotto l’erba folta contro tutte le leggi conosciute
noto nello stesso istante una folata di vento
che attraversa il piccolo giardino
lambisce i bordi dei tennis lucenti
nel gelo dell’aria sospinge la vita di continuo
e intreccia i semi tra loro, li annoda alla terra.
Io sono come una vela piena ma
questa notte al cadere improvviso del vento
mi preparo a cadere tra le braccia immobili dell’alba.

0

L’AMORE SECONDO ANTONIA MASO

L’AMORE SECONDO ANTONIA MASO

Queste poesie di Maria Antonia Maso Notturno (Biblioteca dei Leoni) cantano un sentimento che non ha età, che conosce frutti in ogni stagione, non peritandosi di sfidare la più ovvia razionalità, vale a dire l’amore, antico come l’uomo, nella sua vitalità ed ebbrezza che suscita l’estro creativo, non ponendo limiti alla fantasia. L’ardore, nonostante gli anni trascorsi, è sempre lo stesso, quel vigore giovanile che è estasi dei sensi e dello spirito: “Riconosco soltanto la bambina / che ciarlava alle stelle / dal cortile in ombra, / le corse folli lungo il fiume amico / e Continua a leggere →

0

IL RISVOLTO SOCIALE DI ROMPIANESI

IL RISVOLTO SOCIALE DI ROMPIANESI

Andrea Rompianesi ha pubblicato Quote di non proletariato (Scrittura Creativa Edizioni). Una voce insistente e rapida incide versi cadenzati da una sottile ansia di citazioni, di imperativi colorati, di sollecitazioni, nel magma incandescente del potere materiale o del vertiginoso incalzare politico. Il tocco sociale è evidente tra le capacità di acquisto di un denaro sempre barcollante e l’abbrutimento di un lavoro incostante, che si dilania tra una morale in Continua a leggere →

0

‘VIAGGIO A VISTA’ DI UMBERTO SEGATO

‘VIAGGIO A VISTA’ DI UMBERTO SEGATO

Tutte le poesie della raccolta Viaggio a vista di Umberto Segato (Edizioni del Leone),  hanno un tema costante che, come un fiume carsico, affiora ogni tanto e poi scompare: quello dell’inattualità dell’individuo in quest’epoca storica. L’uomo si sente fuori dal tempo, sfasato rispetto alla storia. Eppure è l’uomo che fa la storia. Questo sentimento dei tempi procede parallelo con un altro tema, più alla luce, che è quello dell’inappartenenza a una terra. La fatalità dell’accadere storico trova specchio nella fatalità dello scorrere del tempo. Il tempo è indifferente alla più profonda Continua a leggere →