0

LA POESIA DELLA SETTIMANA: SCOTELLARO

Rocco Scotellaro

LA LUNA PIENA
La luna piena riempie i nostri letti,
camminano i muli a dolci ferri
e i cani rosicchiano gli ossi.
Si sente l’asina nel sottoscala,
i suoi brividi, il suo raschiare.
In un altro sottoscala
dorme mia madre da sessant’anni.

0

LA POESIA DELLA SETTIMANA: ANTONIO SANTORI

Antonio Santori

INFINITA III

Ecco la valle: non confonderla
con uno spazio d’intese,
dove il verde e il giallo
formano canali da percorrere.
Senti ancora impensabile
la strada da qui a lì
e i traguardi parziali
che nessuno di noi
ha ancora colto.
Tutto è vulnerabile
per questa via; gli stessi
sguardi che incontrano
animali (in volo o in fuga)
o un volto.

0

LA POESIA DELLA SETTIMANA: BELLINTANI

Umberto Bellintani

IL GATTO CHE RITTO SI DORME
Il gatto che ritto si dorme
al sommo del palo in questa quiete
dell’aria al pomeriggio di fuoco,
e la rana che grida terrore
dove il fosso s’incurva,
sono voci dell’arcano, e la cetonia
stremata sul sentiero e l’acqua
infesta di torpore e morte;
voci dell’arcano
che dilagan talvolta allora
che tutto s’addensa nel cuore,
preme e non sai
se di vita diversa un esser vivo
un irrequieto immortale
o d’altri mondi a noi cala la voce.
Altro non sai che tu vivi
di questo senso profondo della vita
che ti snerva e che puoi
affascinato dare il fianco alla morte.

0

LA POESIA DELLA SETTIMANA: ITO RUSCIGNI

Ito Ruscigni

LUME DELLA RAGIONE
Appena
sfiora l’arco del viso
il lume che hai in  mano
e di certo non rischiara
il buio della notte
che piomba sul giorno

Pure
l’assennato uso
rende il passo sicuro
e scansa l’inciampo mortale

0

LA POESIA DELLA SETTIMANA: EDERLE

Arnaldo Ederle

APPARIZIONI
2.
Quando sfoglia la rosa e tira il vento
in quel di Venezia, Duilio stava in posa
davanti a San Marco con le pieghe
dei pantaloni che sbandieravano larghi,
chiari e leggeri. La borsa che teneva in mano
lo fa sembrare un diplomatico a spasso tra una colazione
e un imminente incontro all’ambasciata.
E’ sempre stato molto elegante quando si trattava
di farsi ricordare.
Doveva essere autunno, ma non c’è mai una data
in queste foto d’antan.

0

LA POESIA DELLA SETTIMANA: BASSANI

Giorgio Bassani

NON AGGIUNGERÒ NUOVA LEGNA 
No non aggiungerò nuova legna
al fuoco lasciamo
che la legna che già c’è si consumi
a poco a poco
che la vampa si trasformi
a poco a poco in brace
ed io e te zitti – seduti
uno a fianco dell’altro – dal fondo
buio della sala a guardare
spegnersi finalmente
anche quella.

1

LA POESIA DELLA SETTIMANA: TIZIANO ROSSI

Tiziano Rossi

GATTO
Il tempo cruciale, il più arduo svanire;
e il gatto malato per dissenteria
(roba maligna) scenderà per dove
dormono i morti senza suffragio.
Perciò ha azzerato qualunque movimento
-risorsa elementare, tecnica pertinente-
il caro, saggio mucchietto di ossa. Tuttavia
cosa vuoi che gli dica, e anche lui del resto…
I suoi baffi non sono più gran che,
il pelo gramo rabbrividisce;
e poi sta ognuno dentro sé recluso:
nocciolo inarrivabile.
Ci si sbalestra da tutti i focolari,
però questa volta niente insegnamenti,
se non la tua felina
signorilità, la poca lagna.

0

LA POESIA DELLA SETTIMANA: SANDRO PENNA

Sandro Penna

FINESTRA
È caduta ogni pena. Adesso piove
tranquillamente sull’eterna vita.
Là sotto la rimessa, al suo motore,
è – di lontano – un piccolo operaio.

Dal chiuso libro adesso approdo a quella
vita lontana. Ma qual è la vera
non so.
E non lo dice il nuovo sole.

0

LA POESIA DELLA SETTIMANA: GAROFALO

Patrizia Garofalo

CANTILENE E NENIE
Cantilene e nenie
stasera tornano
trascinano un passato innocente
e sonni dimenticati
non le ho mai sentite
le ho cantate tanto tempo fa
ma non le ricordo.
Il vento
ha sbagliato finestra.

0

LA POESIA DELLA SETTIMANA: INSANA

Iolanda Insana

IL PENSIERO DELL’ALTRO

il pensiero che si ha dell’altro
e c’è bisogno di pensarlo l’altro
per non tapparsi gli occhi
davanti all’indigenza e alla sofferenza
rimirandosi nello specchio concavo
del proprio ombelico

non conta la cosa che si dà o si riceve
conta la creatura a cui si pensa e si dà la cosa
e per non sbagliare è sempre meglio dare che contare