Pietro Aloise è nato nel 1943 a Bucita-S.Fili (Cosenza). Le sue raccolte di poesia: Nonostante tutto i fuochi sono accesi (1988, prefazione Dante Maffia), Le trappole della nostalgia (1990, prefazione Renato Minore, Renzo Paris e Giuseppe NeriPremio Città di Tropea Brutium e Premio Alessandro Pinto a Palinuro), L’amore comunque (1993, prefazione Walter Pedullà), Jiùri ca ‘un si scìppanu (1999, in dialetto calabrese, premio Rhegium Julii), Insostenibili tremori (2003, prefazione Lucio Dalla e Sergio Valzania), Pàsqua è sùlu ‘na festa? (2006, in dialetto calabrese, prefazione Antonio Piromalli e Roberto Roversi, nota di lettura Francesco De Gregori, Premio Nicola Giunta, Premio Speciale Giuria Camaiore e Menzione Speciale Giuria Premio Palmi), Corri poeta corri (2007, prefazione Giampaolo Rugarli e Giovanna Marini, nota di lettura Vincenzo Mollica, premio Sandro Penna. Nel 2011 con la poesia dialettale E’ grànne assài Premio Fabrizio De Andrè. Nel 2012 ha pubblicato Antologia Poetica 1988-2007 (prefazione Davide Rondoni, Giuseppe Neri  nota di lettura Mario Castelnuovo). Come autore musicale ha scritto per artisti come Rita Pavone Lasciati andare a sognare, Anastasia Dellisanti Una Immagine di noi, Gruppo musicale I Panda Voglia di morire, Nicola Di Bari L’artista, Marisa Sannia Piccola strada di città, Domino Io senza te. Nel 1975 come cantautore ha pubblicato con la EMI due 45 giri Com’eri bella e Ma quanto amore c’è. Dal 1978 ha collaborato con Radio Rai come consulente musicale mentre dal 1985 ha collaborato con Michele Mondella responsabile della BMG (ex RCA) alla promozione di artisti come Lucio Dalla, Gianni Morandi, Renato Zero, Giorgia, Luca Carboni e successivamente Venditti, De Gregori, Ron, Paoli, Arbore, Oxa, Ruggeri, Castelnuovo, Locasciulli, Bersani, Mike Francis e tanti altri.

aloise.pietro@alice.it

www.sanfili.net/pietro-aloise.html

 

POESIE

da 1990 – LE TRAPPOLE DELLA NOSTALGIA

Il gelataio

In quel meriggio assolato
e appiccicoso-
la piazza sembrava un deserto-
e seduti
all’ombra di un telo-
Carmela scacciava mosche
e vespe impazzite.
Un cigolio ci allarmò
facendoci rizzare le orecchie-
e come lucertole girammo la testa-
nel tremolio dell’aria
c’era qualcosa che avanzava
accompagnato-
dal richiamo sessuale delle cicale.
Sotto un albero si fermò-
e infischiandosene
di quella insolita quiete
che aveva assopito i paesani-
ha cominciato a gridare per le vie
di comprare per poche lire
un dolce ghiacciato da leccare.
La piazza
diventò un’oasi in festa-
una infantile allegria
colpì
gente avvezza ai sospiri
consumare in fretta
quella delizia in una coppetta.
Cercai lo sguardo di mia Nonna
tirando più volte la sua gonna-
quante lacrime su quel muretto
che ci separava da quel carretto-
Carmela
era ricca dentro
nelle tasche possedeva il vento.

 Chiappetta Carmela
13-6-1896/14-5-1962

 Quando portavi abiti rattoppati
e i tuoi passi erano veloci-
con dignità
affrontavi giorni grigi
per consolare i miei occhi tristi-
e stanca ma felice
t’involavi verso casa
per imboccare l’amato fanciullino
che pigolava
come un affamato uccellino.
Adesso-
sotto questa croce arrugginita
in bilico
per la poca terra-
formiche e lucertole scorrazzano
fra sterpi e sassi assolati-
e fregandosene
della tua immortale dolcezza
testimoniano la latitanza
di colui che tanto hai amato.
Quanti baci
e quante ninne nanne
t’inventavi
in quelle notti senza luna
quando le mie paure
si rifugiavano sul tuo petto.

 A nonna Francesca

 Il castagneto finiva lì
e  quel nido
in cima al paese-
era un posto sicuro
per zittire
i brontolii dello stomaco.
Un grande letto
– sempre disfatto-
ospitava un corpo
alla deriva-
ma ogni volta che mi affacciavo
sulla porta-
quel viso sfiorito.
s’illuminava di gioia
 Quella notte
invece-
la brutta bestia s’impossessò
della sua dolcezza
e di quelle piccole ricchezze
che mitigavano
le mie amarezze.
(*) Assettàte ‘ntuòrnu a chiru lièttu-
fìmmini ccù re vèste nìvure
prigàvanu e ciangìvanu
‘mmèntre Nannùzzu miu
si vattìva ‘u pièttu
cumu s’avìssi fàttu
nu grànne piccàtu.
All’improvviso-
una insolita canzone mi rapì-
e incantato
da una voce malinconica
disertai quel nido di dolore
per correre
verso quella fonte musicale
dove esposta
come un angelo sull’altare
c’era un mobiletto laccato
con due rotelline
e un vetro illuminato
che diffondeva l’insolita canzone:
che faceva così: “ma l’amore no”.
Addolorato
per non aver capito l’unicità
di quel breve ma intenso amore-
come piogge di marzo
verso lacrime
che graffiano l’anima.

(*) Sedute/intorno a quel letto-/donne vestite di nero/pregavano e piangevano/mentre/nonno Pietro si batteva il petto/come se avesse fatto/un grande peccato.//

da 1993 – L’AMORE COMUNQUE

Io e te

Naufragare all’inferno
o in paradiso
è lo stesso-
l’importante sei tu
gioia e disperazione
della mia resurrezione-
per inebriarmi
della tua verace bellezza
e vivere
questa inattesa
e miracolosa follia
come un deserto
invaso
da imprevedibili nembi.
Abbracciami-
e in questa immensità
condannami.

Berrò le tue lacrime

Berrò le tue lacrime
e setaccerò i tuoi affanni
affinché
il nero che ti avvolge
come un viscido serpente
scivolerà via.
Guarda
ho spogliato le farfalle-
indossa
i colori che vuoi.

Emozioni

Aspettare
che gli argini del tuo gelo
cedano
e un fiume di fuoco
divori
questo corpo allo sbando
per diventare cenere-
danzare nel vento-
scoprire l’immenso.
Oh luna luna
ubriaca i suoi occhi
incontrandomi.

da 2003 – INSOSTENIBILI TREMORI

Ah…se potessi azzannare

Ah…se potessi azzannare
quella pollastrella smorfiosa
che sculettando con malizia
provoca incendi devastanti-
e inconsapevole?
della sua provocante sensualità
mostra
con gesti monacali
i suoi allettanti gioielli
a quell’impacciato sbarbatello
a cui basta scrollarsi
l’uccello
per eccitarsi
come un mandrillo-
m’impiccherei come uomo
ma risorgerei come un Dio.
Imbarazzante
è la condizione in cui mi trascino.

Carmela

Quando il buio c’inondava
rapinando le ore al giorno
e i gelidi coriandoli
c’isolavano come appestati-
seduti
accanto al fuoco
Carmela attizzava la brace
e raccoglieva la cenere
per cuocere le patate-
e tra una nenia e un rosario
con stupore e timore
scrutavo
le ombre inquiete sui muri
sobbalzando
ad ogni schioppo di scintille
che  scatenavano
un giocoso scompiglio
in me
e  una gioiosa letizia
in quel fiore innamorato
che mal sopportava
gl’improvvisi abbracci
di quel benedetto scricciolo
irrinunciabile supplizio.
Ah…
se la morte avesse un poco
di quella grazia.

I mitici anni ‘60

L’odore della guerra
andava scemando
quando
la rivoluzione culturale
albeggiava
ed io-
imbranato e imbrillantinato
corteggiavo il sogno americano.
Con la testa piena
di erotiche fantasie-
mi avvinghiavo come un polpo
a fanciulle sculettanti
e allettanti
mentre-
avvampato di vergogna
emergevano imbarazzanti fragilità.
Erano anni
d’incoscienza e di allegria
di attimi fuggenti
e di una intrigante spavalderia-
e travolto
da inconfessabili turbamenti-
cellule disimbrigliate
s’immolavano nelle mutande.
Consolavo
i miei dolci tormenti
sfogliando
calendari indecenti.

da 2006 – PÀSQUA È SÙLU ‘NA FÈSTA

A Santufili

A Santufili
‘u trènu s’è fermàtu-
e ‘mmiènzu a chiru fùmu
fìsc-chi
e pòrte spattùte ccù fòrza-
Melùzza sùp’a catrèa sua m’à mìsu-
‘a balìcia sup’a càpu s’è carricàta
e ppè chira sagliùta s’è abbijiàta.
Dui chilòmitri a pède
‘un su’ assài-
ma chira sìra ‘a luna ser’ammucciàta
e ‘u vièntu fisc-càva da’ muntàgna
a ra campàgna-
e ‘mmèntre l’àrvuli traballàvanu
cumu giagànti ‘mbriàchi-
Màmma mia
chjiànu chjiànu caminàva
ppè chira stràta scùra
ca n’avèrra purtàtu a Bucìta.
Arrivàti vicìnu a ru campusàntu-
‘a sulìta cacarèddra m’à pigliàtu
jiazzannùmi ‘u sàncu-
e ppè mi fàre ‘na pìcca i curàggiu
‘nu càntu lamentùsu
àjiu ‘ncignàtu a cacagliàre:/
sìmu arrivàti? n’àtra pidàta-
sìmu arrivàti? n’àtra pidàta-
sìmu arrivàti? n’àtra pidàta.
E quànnu avìmu bussàtu a chira pòrta
e nànna Carmèla n’è cumparùta
ccù ‘na cuvèrta ‘ncuòddru
e l’uòcchi cùrmi i maravìglia-
‘u sìgnu da’ crùce ni sìmu fàtti-
e vasànnucci cumu fànu i migrànti-
stànchi cumu sunu i zappàturi
a ra fìne da jurnàta-
‘intru lièttu ni sìmu curcàti
e ‘ntra chire amurèvule vràzza
mi sùgnu ‘ncursunàtu
Tànnu
cumu l’ànni dòppu-
‘a guèrra ppè Milùzza è frunùta
a re ura trìdici
du’ vientitrì giùgnu duamila e sètte-
quànnu chira brùtta baiàssa
l’à sucàtu l’àrma.  

A San Fili/il treno si è fermato-/e in mezzo a quel fumo/fischi/e porte sbattute con forza-/Amelia sopra la sua schiena mi ha messo-/la valigia sopra la testa si è caricata-/e per quella salita si è incamminata.//Due chilometri a piedi/non sono molti-/ma quella sera la luna si era nascosta/e il vento fischiava dalla montagna/alla campagna-/e mentre gli alberi traballavano/come giganti ubriachi/mia Madre/lentamente camminava/per quella strada buia/che ci avrebbe portato a Bucita.//In prossimità del cimitero/la solita paura mi assalì/gelandomi il sangue-/e per farmi un poco di coraggio/un canto lamentoso/ho cominciato a balbettare:/siamo arrivati?ancora un passo-/siamo arrivati?ancora un passo-/siamo arrivati?/ancora un passo.//E quando bussammo a quella porta-/e nonna Carmela ci è apparse/con una coperta addosso/e gli occhi pieni di meraviglia-/il segno della croce ci siamo fatti-/e baciandoci come fanno gli emigranti-/stanchi come i contadini/alla fine della giornata-/nel letto ci siamo coricati/e in quelle calde e amorevoli braccia/mi sono accoccolato.//Allora/come negli anni a venire-/la guerra per Amelia è finita/alle tredici/del ventitrè giugno 2007/quando quella brutta puttana/gli ha succhiato l’anima.//

‘U vièntu

S’àza-
e pùru ca ‘un si vìde
—————————————–cummànna.
‘A vùce sua
à nu rispìru affannùsu-
‘ddrùve pàssa
————————————-mìsc-ca tùttu
e nùddru pò fà nènte.
Iju mi spàgnu assài
quànnu iddru s’arràggia-
l’àrvuli traballànu
e re nùvule parànu piècure-
ma quànnu m’allìscia
dunannùmi ‘na pìcca i friscu-
m’attìzza cumu quannu
‘na fìmmina strìca ‘u cùlu sua
a ra ‘ntòstata mìnchjia mia
————————————————sbaniànnu.
‘U vièntu-
cumu vène
——————-
e sùlu tànnu tùttu si càrma-
mò-
m’arripuòsu pur’iu
e curcàtu cumu nu canicièddru
suònnu cumu nu quatrarièddru.

Si alza-/e senza farsi vedere/comanda.//La sua voce/ha un respiro affannoso/e dove passa/confonde tutto-/e nessuno può far niente.//Io ho paura/quando il vento si arrabbia-/gli alberi traballano/e le nuvole sembrano pecore-/ma quando mi accarezza/regalandomi un poco di fresco-/mi eccita come quando/una donna strofina il suo sedere/al mio indurito pene/smaniando.//Il vento-/come viene/va/e solo allora tutto si calma-/adesso-/riposo anch’io/e disteso come un cagnolino/sogno come un bambino.//

Sugnu nu puèta

Signùri i tùttu-
Signùri i nènte-
vùa sìti ‘na bànna i fanfarùni
bràvi sùlu a fàre prumìsse
ca pùe da elètti vi scurdàti.
Smargiàssi e prisuntùsi
fastidiùsi cumu cicàle de ‘stàte-
vi prisintàte ‘ntre chiàzze
o ‘ntr’’i stùdi telivisìvi
ppè limusinàre vùti
de chira gènte spaturnàta
ca fàu fatìga a capìscere
i cumìzzi ca facìti-
‘mmèntre venìti accramàti
da chiri elettùri currùtti
ca sènza vrigògna
vi vàttanu pùru ‘e mànu.
IU SUGNU NU PUETA
e ppè fìssa ‘un mi pigliàte.
‘U sàcciu ca chiru ca scrìvu e càntu
su’ spìne dulurùse
ppè vùa misiràbbili quacquaraquà-
m’addiventànu canzùne i giòjia
ppè ri puòpuli c‘un vuònnu finàiti.
Strazzàtile o vrusciàtile
o gnucìtile ‘e puisìe mia-
‘un va vasterànnu sièculi i vita
e n’esèrcitu i liccacùli
ppè mi fàre sprignàre-
armàtu i pìnna e càrta
v’aspietto sèmpe
tra nu pùntu e ‘na vìrgula
ppè vi vuommicàre ‘ncuòddru
‘a misèria da’ ricchìzza vuòstra.

Signori di tutto-/Signori di niente-/voi siete una banda di millantatori/bravi solo a fare promesse/che da eletti poi obliate.//Vanitosi e presuntuosi/noiosi come cicale d’estate-/vi presentate nelle piazze/o negli studi televisivi/per elemosinare voti/da quella gente disperata/che ignorano l’ermetismo/del vostro politichese-/mentre venite applauditi da quegli elettori mercenari/che senza vergogna/vi battono anche le mani.//IO SONO UN POETA//e per fesso non mi prendete.//Lo so che ciò che scrivo e canto/sono spine insopportabili/per voi miserabili ciarlatani-/ma diventano canzoni di gioia/per quei popoli senza confini.//Strappatele o bruciatele/oppure ingoiatele le mie poesie-/non vi basteranno secoli di vita/e un esercito di ruffiani/per farmi scomparire-/armato di penna e carta/vi aspetterò sempre/tra un punto e una virgola/per vomitarvi addosso/la miseria della vostra ricchezza.//

da 2007 – CORRI POETA CORRI

Eccomi qui

Eccomi qui-
al volante dell’auto
e padrone del mio tempo
fuggire
da quest’atavica bellezza
che incanta
e fa sognare popoli
affamati di conoscenza.
Eccomi qui
per destinazione libertà-
lasciarmi alle spalle
giorni ringhiosi
per gioire
della musica di un temporale
stupirmi
per una foglia che cade.
Eccomi qui-
a macinare chilometri
senza più catene-
e libero come una rondine
duettare con Battisti
“pensieri e parole”-
e baciato da tanta fortuna
faccio l’occhiolino alla luna.

E’ stato un caso incontrarti?

E’ stato un caso
incontrarti?
Una fotocopiatrice ci separa-
e per evitare
che il cuore deragli
ingoio la solita compressa
per acquietarlo.
Come sei bella!
Il tempo
che sfibra il mio corpo
e fa insorgere nemici latenti-
ha inventato per te
una clessidra speciale.
Perché non parli?
Irritarti mi ferisce
perché solo a guardarti
la mia anima gioisce-
e se ancora non hai compreso
l’intensità di questo incendio-
abbracciami
e dai tuoi occhi
si affacceranno le stelle.
Sfiorato
da uno sguardo sprezzante
c’incamminiamo
tu da quella parte
io chissà dove
a inventare un’altra scusa.

primo amore

Il respiro della risacca.
Sguardi di tenerezza.
Mani curiose.
Corpi che tremano.
Bocche che si cercano.
Cuori che galoppano.
Emozioni che avvampano.
Braccia che s’incatenano.
Ti amo incontra per sempre.
Il paradiso all’orizzonte.
Questo m’invento la notte-
di giorno
corteggio un’algida poesia.

da 2012 – ANTOLOGIA POETICA 1988-2007
(improvvise emozioni)

19 giugno 1943

In quel tardo mattino del ‘43
mentre le cicale cantavano
e i contadini falciavano il grano-
una giovanissima sposa
partoriva
sopra un tavolo da cucina
il frutto di una passione
ardente.
Ricordare quei momenti
è impossibile e mi dispiace-
ma sono certo
di essere stato festeggiato
e poi
amorevolmente accompagnato
attraverso stagioni solari
o imprevisti temporali
fino a quando i loro sguardi
hanno cessato di accarezzarmi.
Oggi
che la noia non mi appartiene
e le rughe sono solo un distinguo-
mi danno
per l’assediante precarietà
che insidia la mia libertà-
e supplico
quei cari Angeli
di abbracciarmi ancora
esattamente come allora-
affinché
avvolgendomi di serenità
e di coraggio
quest’angoscia sfibrante
mi abbandoni-
e in pace forse con Dio-
rassegnato forse mi avvio
verso quel riluttante…addio?

****
Perchè Dio
inonda di colori
i tuoi occhi
e senza pietà
illanguidisce
i miei?

****
Delicato-
forse innamorato
è il tempo con te-
ringhioso
forse geloso
lo è con me.