0

MAURO IMBIMBO POETA CONTROCORRENTE

MAURO IMBIMBO POETA CONTROCORRENTE

Mauro Imbimbo, Droghe e coloniali (Edizioni di Storia e Letteratura). Poesia per chi non legge poesia, i versi di Imbimbo vanno controcorrente rispetto al canone italiano contemporaneo: musicali, poco autobiografici, spesso ironici, corrosivi, drammatici in modica quantità. Moralista, attirato irresistibilmente dalla bêtise, discendente di Marziale e Flaubert, nipote di Flaiano, Imbimbo castiga i costumi, castigando gli stereotipi linguistici e la noia delle mode culturali del nostro tempo. Quando parla di sé cerca di farlo con distacco, quasi osservandosi dall’esterno. L’aulico si accosta così al quotidiano, l’antico al contemporaneo. Leggendolo, si avverte che si diverte e vorrebbe divertire ma, al tempo stesso, graffiare, urtare, invitare, per quanto possibile, alla riflessione sui nostri vezzi e i nostri vizi.

Paolo Di Paolo

127

Scrivi un commento