La Poesia italiana del Secondo Novecento - The italian Poetry of the second half of the 20th century

Ernesto Calzavara



Ernesto Calzavara è nato a Treviso nel 1907. Trasferitosi dopo la laurea a Milano nel corso degli anni Trenta, ha esercitato la professione di avvocato. È autore di versi sia in lingua che in dialetto. Si è affermato negli anni Sessanta e Settanta: Parole mate, Parole pòvare (1966), Come se. Infralogie (1974), Analfabeto (1979), a cui hanno fatto seguito le raccolte: Le ave parole (1984), Ombre sui veri (1990), Rio terrà dei pensieri (1996), composito collage di poesia, aforismi e note critiche. È morto a Venezia nel 2000.


Wikipedia        http://it.wikipedia.org/wiki/Ernesto_Calzavara

Web              http://www.treccani.it/enciclopedia/ernesto-calzavara/


POESIE


da Poesie dialettali,1946-1960

 La galina

Va su par la scaléta, galina, 

pian pian in punèr,

sola sola a far l'ovo

in pensièr, de scondo'n.

Va su co' tuti i me pensièri,

ovi sensa rosa né bianco, vo'di.

Va su galina, va su.


La gallina

Va su per la scaletta, gallina

pian piano nel pollaio

sola sola a far l'uovo

assorta, di soppiatto.

Va su con tutti i miei pensieri

uova senza tuorlo né albume, vuoti.

Va su gallina, va su.



da Parole mate, parole pòvare,1966


Parole mate    

 

Rame che rema che respira de ua roza

rama remo rime roma ruma

totami dapartuto che casca

sul colo dea morte dai reclini de rame

 

E mi serco mi vago non so par dove

par che razo’n no vedo no so

ma rovine rente rovine

rovinasi ore de sol

suaque nere che frize pescao’ri’ e pesi

in croze de po’

 

Marao’ri’ Rua Chicaribo

romai amori più romai resta

parole mate

restè no morir

no morime in man

restè reste parole

 

 

 

Parole senza senso

 

Rami che remano che respirano di uva rosa

ramo remo rime roma ruma

rottami che cadono dappertutto

sul collo della morte dagli orecchini di rame

 

E io cerco io vado non so per dove

perché ragione non vedo non so

ma rovine vicino a rovine

macerie ore di sole

su acque nere che friggono pescatori e pesci

in croce di poi

 

Maraori Rua Chicaribo

ormai non più amori orami restano

parole senza senso

restate non morite

non moritemi in mano

restate restate parole


Co te sarà tornàda

Co te sarà tornàda

in sta caza dei vèci

dopo che sarò partìo

e te verzarà i balconi,

i armaro'ni, i comò

e tante robe te saltarà fo'ra

le pìcole robe

che ghémo godùdo insieme;

co te tornarà drìo la caza in cortìvo

e rénte la porta de cuzìna

se sentarà de no'vo i gati, le dòne che cuze

e vegnarà a zogàr su la pièra

i fiòi dei fiòi

che ghémo conosùdo insieme

e fo'ra nel boschéto

altri nìi de merli

se scondarà tra rame de nozelèri;

co te tornarà a védar sti àlbari

che se slo'nga sempre de più

sta erba che no finìse mai de crésar par tuto,

te pararà de sentir a la note

caminar su la giaréta in giardìn.

………………….

No stàme lasàr fo'ra al frédo.

Gavarò qualcòsa da dirte

o forse, tazarò.



Quando sarai tornata


Quando sarai tornata

in questa casa dei vecchi

dopo che sarò partito

e aprirai le finestre

gli armadi, i cassettoni

e tante cose ne verranno fuori

le piccole cose

che abbiamo goduto insieme;


quando tornerai nel cortile dietro casa

e vicino alla porta di cucina

verranno di nuovo i gatti, le donne a cucire

e verranno a giocare sulla pietra

i figli dei bambini

che abbiamo conosciuto insieme

e fuori nel boschetto

altri nidi di merli

si nasconderanno tra in rami dei noccioli;

quando tornerai a guardare questi alberi

che si allungano sempre di più

questa erba che non smette mai di crescere dappertutto

ti sembrerà di sentire di notte

camminare sulla ghiaietta del giardino.

Non lasciarmi fuori al freddo.

Avrò qualcosa da dirti

o forse, tacerò.


da
Come se. Infralogie,1974


Parole nove

«Dormono tutte le cause chiuse nei loro chiusi

e le teste mozze degli Archetipi a terra stanno»


Cusì ze sta dito in alto da quei che sa.

E noàltri cosa faremo?

Noàltri che no savémo lèzar né scrìvar

cosa diremo?

Balbetarémo nòve parole?

Chi ne darà in nòvi segni?

A B C D E …

come li metarémo insieme de no'vo?

No vegnarà nesùn a salvàrne de fòra via.

Ne tocarà a noàltri rangiàrse

rebaltàndose zo

rampegàndose su

de sto potzo dea vita.

Par vegnérghene fòra

da noàltri soli

par capir e capìrse.


«I fiori della solitudine»

quei che scrive i poeti

nesùn li agiutarà a sercàrli.


No i preti de le Ciéze

no i preti dei Studi

né quei del Governo

che oramài ze za a caza

ma i pòri cani

che se arabàta

noàltri li trovarémo.


E zveiarémo le Cause che dorme

par conto nostro e de tuti

e invidarémo le teste tagiàde

sui so còli driti

e ghe diremo a una a una

a una a una

PARLA


Parole nuove

«Dormono tutte le cause chiuse nei loro chiusi

e le teste mozze degli Archetipi a terra stanno».


Così è stato detto in alto da quelli che sanno.

E noi cosa faremo?

Noi che non sappiamo leggere né scrivere

cosa diremo?

Balbetteremo parole nuove?

Chi ci darà in nuovi segni?

A B C D E …

come li metteremo di nuovo insieme?


Da fuori non verrà nessuno a salvarci.

Toccherà a noi arrangiarci

capitombolando

arrampicandoci

per i muri lisci

di questo pozzo della vita.

Per venircene fuori

da soli

per capire e capirci.


«I fiori della solitudine»

quelli che scrivono i poeti

nessuno li aiuterà a cercarli.


Non i preti delle Chiese

non i preti delle Università

né quelli del Governo

che ormai sono già a casa

ma i poveri cani

che si arrabattano

noialtri li troveremo.


E sveglieremo le Cause che dormono

per conto nostro e di tutti

e avviteremo le teste tagliate

sui loro colli diritti

e gli diremo a una a una

a una a una

PARLA.



da
Analfabeto, 1979

Bùtate drento

Bùtate drento

dezvìda scata

scava scova sco'lta

sco'ndate scòdate strasìnate

drento.

Tra àlbaro pièra

piàvola bestia òmo

drento

fìcate drento

fòra no ghe ze gnénte.

Devénta tèra àlbaro pièra

parla coe parole sue

impara.


«Sunt animae rerum»

de più ancora

Sunt linguae rerum

sighi pianti tremiti

ridàe discorsi

pensièri rerum

sunt sunt.

Drento.

Devénta coscienza del saso.


Buttati dentro


Buttati dentro

svita scatta

scava scova ascolta

nasconditi scuotiti trascinati

dentro.


Terra albero pietra

bambola bestia uomo

dentro

ficcati dentro

fuori non c'è niente.


Diventa terra albero pietra

parla con le loro parole

impara.


«Sunt animae rerum»

di più ancora

Sunt linguae rerum

grida pianti tremiti

risate discorsi

pensieri rerum

sunt sunt.


Dentro.

Diventa coscienza del sasso.


(versioni italiane di Elettra Bedon)