La Poesia italiana del Novecento - The italian Poetry of the 20th century

Tolmino Baldassari


 

Tolmino Baldassari nato a Castiglione di Cervia (Ravenna) nel 1927 ed vissuto a Cannuzzo di Cervia, dove morto nel 2010. Scriveva in dialetto romagnolo. Le sue raccolte di poesia sono: Al progni erbi (Edizioni del Girasole, 1975), E' pianafrt (Edizioni del Girasole, 1977), La campna (Forum/Quinta Generazione, 1979), La nva. Poesie 1974-1981 (Forum/Quinta Generazione, 1982), Al rivi d'ria (Il Ponte, 1986), Quaderno di traduzioni (Nuova Compagnia Editrice, 1990), mbra d'luna (Campanotto, 1993), I vdar (Mobydick, 1995), E' zet dla finstra (Book,1998), L'va (P. G. Pazzini, 2002), Se te t'gverd (Pulcinoelefante, 2005), Canutir (Raffaelli, 2006), L'ombra dei discorsi. Antologia 1975-2009 (a cura di Gianfranco Lauretano, puntoacapo Editrice, 2010).

 

http://www.tolminobaldassari.it/

https://it.wikipedia.org/wiki/Tolmino_Baldassari

 

 

 

POESIE

da LA NVA

 

Int la vegna

 

Int la vegna

U s’ra fat scuri nt la vegna
e’ vent l’va e’ fes-c lng
j lbar la vşa basa.
A so armast in urecia
e am so bas dri tra
e’ cl pigh cum un ulch.
A j fat segn cun la mn
e lo un s’ ms.


Al so che vlva di ch’a j andes me,
mo me am sra inciud:
u j ra in l’ria e’ şvit de’ mnd,
un folta ch’un s’pasa.

 

Nella vigna Si era fatto buio nella vigna / il vento aveva il fischio lungo / gli alberi la voce bassa. / Sono rimasto in ascolto del vento / e mi sono abbassato vicino a terra / il collo piegato come un allocco. / Gli ho fatto cenno con la mano / e lui non s’ mosso. / Lo so che voleva dire che ci andassi io, / ma mi ero inchiodato: / c’era nell’aria il vuoto del mondo, / un filtro fine che non si passa.

 

da OMBRA D’LUNA

 

La vipa

la nta dacnt e’ cum
la vipa la pasa
int l’ra pi fnda
us sint e’ rispir
de’ mnd ch’u s’ frum

La volpe  La notte accanto al com / la volpe passa / nell’ora pi fonda / si sente il respiro / del mondo che si fermato

 

E’ piuvva frt

a sma insen trna a la tvla
fora e’ piuvva frt
e l’ra bl a ‘t d’asclt
l’aqua ch’la batva int i cop
la saltva int ca crta
la curva in i fos
u ngn’ra prinzipi u ngn’ra fen
e’ mnd e’ durva d’dentar

Pioveva forte  Eravamo insieme intorno alla tavola / fuori pioveva forte / ed era bello stare in ascolto / della pioggia che batteva sui coppi / saltellava nella corte / correva nei fossi / non c’era principio non c’era fine / il mondo durava dentro

 

Al cadeni di poz

u s’ farm l’urloz
par  ‘t d’asclt l’armrr de’ vent
par d’l di sint e’ cand

al cadeni di poz
al chesca z par la muraja
dla luna rosa che la zira
stasra in so int e’ moc de’ strm

al cadeni di poz
al prta i sec dalngh

Le catene dei pozzi  S’ fermato l’orologio / per ascoltare il rumore del vento / di l dei solchi nel canneto // le catene dei pozzi / cascano gi per la muraglia / della luna rossa che gira / stasera sul mucchio dello strame // le catene dei pozzi / portano i secchi lontano

 

da  E’ ZET DLA FINSTRA

 

La Pierina

ch’a m’arcord dla Pierina
pugda a e’ mur dacnt a ca
l’ra malda e la j mrta zvna
e d i gva “la pra Pierina”
– me a sra incra un babin –

e pu in l’ pi det
ads l’ cma s’la ni fos mai stda

La Pierina S che mi ricordo della Pierina / appoggiata al muro accanto a casa / era malata ed morta giovane / e dopo dicevano “la povera Pierina” / -io ero ancora un bambino- / poi non l’hanno detto pi // adesso come non ci fosse mai stata

 

Un mr da dalngh

a so intr int e’ tu respir
chlum
cum un mr da dalngh
intrna u j era un zrc
alzir
a l’avma fat nun

Un mare da lontano  Sono entrato nel tuo respiro / calmo / come un mare da lontano / intorno c’era un cerchio / leggero / l’avevamo fatto noi

 

A toi mi

a toi mi un ciap ad stran
ch’ai gvrda ch’i vla cla vlta
cha sra int e’ cavdl
int un nuvmbar ad tri spiandi

a j gvard fina ch’in s’ pi vest
e u m’ armast un avd e un nn avd

Preferisco   Preferisco uno stormo di storni / ch’io li guardi volare nel tempo / che ero nella cavedagna / in un novembre di terre spianate // li ho guardati fino a che non si sono visti pi / e m’ rimasto un vedere e un non vedere

 

da L’VA 

 

I pasarot

i pasarot int i rem stil ch’in s’vd
frum tach s in l’ria
caicvl i pensa

ai vegh nench a la nta cun j oc ciuş
al vşi şmorti
ch’a j pinsir de’ mnd

I passeri  I passeri sui rami sottili invisibili / fermi appesi all’aria / qualcosa pensano // li vedo anche la notte con gli occhi chiusi / le voci spente / che ho i pensieri del mondo

 

Cmbri  dla memria

u n’ sl un caicvl ch’a s’arcurden
mo l’ cvel ch’u s’ fat nun
zenta ch’an sen int la stria
parch a sma puret ch’a fadighma
e s’incuntren di sbaruzr
l’ sl parch ai pinsen
sl nun per ch ads l’ un’ ta stria
u ngn’ pi nisun ch’al spa
nench se cun tot e’ daf
as putrsum farm a ‘t d’asclt
caicvl d’un’ta vita
e’ lavor  e’ lavor ch’u j st

Camere della memoria Non solo qualcosa che ci ricordiamo / ma quello che ci ha fatto noi / gente che non siamo nella storia / perch eravamo poveri che faticavamo / e se incontriamo dei barrocciai / solo perch ci pensiamo / solo noi per ch adesso un’altra storia / non c’ pi nessuno che lo sappia / anche se con tutto il daffare / potremmo fermarci ad ascoltare / qualcosa di un’altra vita / il lavoro il lavoro che c’ stato

 

 

da CANUTIR 

Un mament

l’ra un gran zet ad stli
e me a sra a l
nenca j animalin j ra frum
l’rba la j ra sota e tot al pinti
nench j lbar grnd in chv de’ cantir
t’sira incant
mo u t’avniva una voja d’culr zal
cveşi una porbia tra al didi
t’capiva ch’l’ra un mament
sl un mament
ad pi un putva ls

Un momento Era un gran silenzio di stelle / e io ero l / anche gli insetti erano fermi / l’erba era asciutta e tutte le piante / anche gli alberi grandi in fondo al campo / eri incantato / ma ti veniva una voglia di colore giallo / quasi una polvere tra le dita / capivi che era un momento / solo un momento / di pi non poteva essere