0

L’OPERA DI ALESSANDRO RICCI

L’OPERA DI ALESSANDRO RICCI

Inutile nasconderlo: non è facile leggere la poesia di Alessandro Ricci (Tutte le poesie, Europa Edizioni, a cura di Francesco Dalessandro). Per­ché è complessa, ragionativa, razionale ma capace di muoversi per lampi intuitivi, che richiedono attenzione e rigore: Ricci non insegue aneliti emotivi su su fino agli ultimi cieli, ma nean­che maschera la superficialità con la scusa dell’incomunicabili­tà. Non è poesia che, urlando le sue parodiche condanne, o de­strutturando il linguaggio con cut-up e ghigni asemantici, faccia sentire dalla parte giusta e acuta del mondo. Ma non è nemme­no una poesia Continua a leggere →

1

IL SENSO DELLA POESIA IN RUFFILLI

IL SENSO DELLA POESIA IN RUFFILLI

La poesia vive accanto al poeta, respira con lui, lo accompagna in ogni esperienza, conoscenza, accadimento della vita.  Una presenza costante, quasi una parte di sé, a cui si può rivolgere per trovare forza e significato. Una sorta di compagna di viaggio che aiuta a decodificare la realtà, ma anche accettarla per quello che appare: una possibile risposta ai tanti interrogativi che affollano la mente. Scrivere poesia comporta una sensibilità particolare, un terzo occhio che osserva il mondo esterno, strettamente collegato al mondo interno, attraverso una continua ricerca e una permanente riflessione su quanto accade. Paolo Ruffilli è da sempre intensamente consapevole della forza della Continua a leggere →

0

LA POESIA DELLA SETTIMANA: EDERLE

Arnaldo Ederle

UNA CAREZZA VOGLIO
Perché l’acqua sgorga lenta
dalle bocche della roccia,
dalla mia, la parola
stenta, teme l’aria
come pesce fuor d’acqua.
E così, lo giuro, a volte
mi strangola, come lisca
impuntata, dalla fervida gola
non si stacca. Poiché
desidero un passero che voli,
voglio una farfalla di miele
ch’esca dalle mie labbra come
dalle labbra d’un santo
e mi consoli.

0

‘INSTALLAZIONI’ DI CARLA PAOLINI

‘INSTALLAZIONI’ DI CARLA PAOLINI

Installazioni (Anterem) di Carla Paolini  è un’antologia poetica anomala, che si apre con la stessa curiosa perplessità con cui varcheremmo l’ingresso di una galleria d’arte in cui sono ospitate le opere di un’artista sconosciuta. Ogni pagina diviene spazio espositivo in cui ci vengono presentate installazioni realizzate con materia linguistica. Sono strutture poetiche aperte e libere di ramificare in direzioni imprevedibili, osservate nel loro assumere consistenza al flusso Continua a leggere →

1

L’ANGELO DI GIOVANNI SATO

L’ANGELO DI GIOVANNI SATO

Tutto comincia da una visione: un angelo sopra un albero ancora invernale ma con iniziali germogli in prossimità della primavera. Un angelo diverso da quello classico a cui siamo abituati e che abita i cieli. Un angelo che abita la terra. Da qui parte l’avventura straordinaria del Canzoniere dell’angelo di Terra di Giovanni Sato (Biblioteca dei Leoni) e le poesie del libro tracciano un percorso dal visibile all’invisibile, in quel perenne e inquieto anelito a una Continua a leggere →

0

L’OPERA DI ARNALDO EDERLE

L’OPERA DI ARNALDO EDERLE

Dopo la prematura scomparsa di Arnaldo Ederle l’anno scorso, a ricapitolarne il lavoro di poesia lungo gli anni è un saggio prezioso e informatissimo: L’opera di Arnaldo Ederle dal 1963 al 2018. Impressioni e riflessioni (QuiEdit). Ne è autore Michele Arcangelo Nigro che, vivendo e lavorando a Verona, conosceva e frequentava il poeta veronese. Medico Patologo di formazione, che ha insegnato nelle Università di Padova, Verona, Catania, Brescia e Lovanio, Nigro è sempre stato interessato alla letteratura e in particolare alla poesia. Si è anche fatto traduttore e resta Continua a leggere →

0

I RIFERIMENTI ARCHETIPICI DI VALERIA SEROFILLI

I RIFERIMENTI ARCHETIPICI DI VALERIA SEROFILLI

In questo intervento intendo soffermarmi su due recentissimi lavori di Valeria Serofilli, l’e-book Ulisse (La Recherche, 2014), una raccolta di brevi racconti, e la silloge poetica Vestali (Ibiskos Ulivieri); si tratta di opere differenti, pensate e realizzate autonomamente eppur non prive di molteplici rapporti ideali e formali, tali da rendere criticamente proficuo un attento esame comparativo. Occorre comunque muovere da una premessa: la ricerca della Continua a leggere →

0

L’AMORE PER LA VITA IN PARDINI

L’AMORE PER LA VITA IN PARDINI

Già molti anni or sono il Corriere della Sera di Milano pubblicava un articolo letterario, nel quale l’autore riportava un’apodittica affermazione di Eugenio Montale: “La poesia è vita”. Leggendo quest’ultimo lavoro di Nazario Pardini, il collegamento con tale memoria è stato quasi immediato: Nel frattempo viviamo (Guido Miano Editore) contiene la coniugazione al presente del verbo, dell’azione del vivere. Ed è un amore per la vita incondizionato, che viene prima Continua a leggere →

0

CON VILLALTA TRA VENETO E FRIULI

CON VILLALTA TRA VENETO E FRIULI

Il nuovo romanzo di Gianmario Villalta L’apprendista (SEM) si svolge in un paese tra Veneto e Friuli, in una vecchia chiesa d’altri tempi arrivata bene o male fino ai nostri, e ha per protagonisti i due sacrestani che ci lavorano, il più vecchio e depositario dell’edificio di culto e il suo poco più giovane apprendista. L’ottantenne capo ci è arrivato da lontano, dopo un lungo soggiorno missionario in Giappone, e il suo aiutante da più vicino, dopo una non meno lunga Continua a leggere →

0

LA POESIA DELLA SETTIMANA: LAURA PIERDICCHI

Laura Pierdicchi

CREDEVO

credevo d’essere quasi speciale

perché urtavo ogni cosa con la mente

e senza toccarla la penetravo –

mi credevo diversa per il sogno

costante che sempre mi divideva

fra terra e cielo – col mio bagaglio

non ero mai sola

e mi muovevo in buona armonia

nella grande Casa che mi accoglieva –

ma era solo inganno di giovinezza…