0

LA POESIA DELLA SETTIMANA: BIGONGIARI

Piero Bigongiari

VICENDA

La vecchia stringe attenta la lattiera

col latte della sera per il corso

come il suo misurino d’innocenza.

Annusa il cane i cofani del tempo,

s’infila negli androni, cosa cerca

nella scia del padrone? I primi freddi

riscaldano le frutta sulle ceste

nell’elettrica quiete sciorinate

davanti alle botteghe.

Il tempo varia

immoto: non si vende, non si acquista

stilla di destino. La vicenda

se ripulisce l’anima, la stende

umida ancora su un filo di carità

spinato al vento notturno, al primo gelo.

Chi bussa, sembra tardi per aprire,

ma se apri guarda l’orizzonte, ed entrino

alte in golene d’ombra le calvane

quasi nell’ombra d’un porto polene.

35

Scrivi un commento