1

LA POESIA DELLA SETTIMANA: PENNATI

Camillo Pennati

OSSERVO L’OMBRA
Osservo l’ombra che in perfetto staglio
riprende le proiettate forme di ciò che in verticale
intercetta al momento quella fronte pastosa
di luce adesso dilagante del sole.

L’ombra che si ritrae e impallidisce
poi si rafforza e si scurisce quasi a velarsi di nero
e fa da meridiana al corpo consistente del reale
che a sé seduce in ogni giacitura orizzontale.

22

Commenti 1

  1. Ho incontrato più volte Pennati ed apprezzo da sempre il suo lavoro in poesia. In particolare ricordo la prefazione che fece qualche tempo fa a una silloge poetica del comune amico Eros Trevisan: in cui si parlava di “trasognanze d’affioramento e d’effusione”… un raro esempio in cui si contemplavano profondità di significanti con una ricerca linguistica ricca di fraseggi che sfarfallano sul testo in esame come “sospensioni di respiro”.

    Rispondi

Scrivi un commento