0

QUASIMODO: IL GIORNO DEL NOBEL

QUASIMODO: IL GIORNO DEL NOBEL

Nel 1959 a Salvatore Quasimodo (Modica, 20 agosto 1901 – Napoli, 14 giugno 1968) viene assegnato  il premio Nobel per la Letteratura.  Rai Scuola vi propone una emozionante intervista al grande poeta nel giorno in cui ne ricevette la comunicazione da parte dell’ambasciatore svedese a Roma.

RaiLetteratura

0

LA CONTEMPLAZIONE DI RAFFAELLA BETTIOL

LA CONTEMPLAZIONE DI RAFFAELLA BETTIOL

Meno sognante, ma sempre dialogante e piacevolmente leggibile, è la poesia di una donna di cultura, nata a Venezia e da tempo residente a Padova, che si dedica alla poesia come saggista e curatrice di antologie, tra cui la riuscita Il mio bicchiere da viaggio (Archinto): Raffaella Bettiol raggiunge con Una sprovveduta quotidianità (Italic Pequod) una sorprendente sintesi fra autobiografismo e riflessione esistenziale in versi. Si comincia con Gli amori, sorta di diario della passione coniugale che si trasforma in sentimento profondo e tenace, immerso ma non perduto nel mare Continua a leggere →

0

LA POESIA DELLA SETTIMANA: SANESI

Roberto Sanesi

FRAMMENTO, DICEMBRE
Attraverso la neve, dal giardino, sale
quell’aria delle fragole che allora, con fragile
incrinatura, Montale canticchiava con il capo
piegato sopra un piatto di minestra.
Ora che alla finestra il gelo si rapprende,
una minuscola bava spezza il cerchio chiuso
fra le labbra e la voce, ridiscende al vuoto
di un cielo annuvolato di dicembre:
noi restiamo quaggiù, senza più attendere.

0

OGNI ESILIO DI ILDE ARCELLI

OGNI ESILIO DI ILDE ARCELLI

… Nel 1994 l’editore Guerra, credo nel decennale, stampò L’odore dei limoni, una piccola ed elegante antologia dei poeti del Merendacolo. In quell’occasione lessi per la prima volta alcuni testi di Ilde Arcelli, quattro brevi liriche sotto il titolo comune ‘Ogni esilio’. Una in particolare mi provocò un’emozione intensa, l’ultima: “C’è qualcuno che sul finire /prepara con cura la casa per il corpo / suo morto – non è così strano / dopotutto ogni tempo / ha i suoi frutti – qualcosa da sognare / in segreto – da progettare / tra i fiori”. Ogni esilio è un libro dell’Arcelli pubblicato negli ultimi Continua a leggere →

0

POESIE D’AMORE DELLA SPAZIANI

POESIE D’AMORE DELLA SPAZIANI

Dal clima postermetico, o più precisamente montaliano, delle prime raccolte, in cui risuonano echi lontani delle avanguardie europee, il discorso poetico di Maria Luisa Spaziani si è volto a poco a poco a un linguaggio più disteso e a volte quasi narrativo, senza mai perdere la sua aura di controllata armonia sentimentale. Nei  versi de La traversata dell’oasi. Poesie d’amore 1998-2001 (Mondadori), il suo dialogo amoroso sembra voler fare a meno delle Continua a leggere →

0

NATURA MORTA DI PAOLO RUFFILLI

NATURA MORTA DI RUFFILLI

…   Alla visione del mondo di Paolo Ruffilli sottende una solida base filosofica, molto attenta alla tradizione orientale, e particolarmente attiva in questa – come scritto in quarta – «serrata rappresentazione (ed analisi) sulla razionalità della natura e sulla naturalezza della storia» che è Natura morta (Aragno Editore). Una prospettiva inflessibile, per quanto versata nello sgretolamento di un verso volutamente discontinuo e brevilineo che descrive nella sua ipotesi di poetica, una versificazione per frammenti, per stralci lirici discriminati quale mimesi o comunque semiotica dell’incespicare e della pronuncia esitante dell’io (ancora, barlume, lume balbettante) nella disgregazione pulviscolare della Continua a leggere →

0

I VERSI DI PATRIZIA RISCICA

I VERSI DI PATRIZIA RISCICA

Patrizia Riscica: Andar per versi (Biblioteca dei leoni, pp. 112, € 12).  Nella musica dell’onda, che giunge luminosa tra lo scoglio dell’anima e la risacca del subconscio, i versi di Patrizia Riscica si arricchiscono pagina dopo pagina per quel ritmo incalzante che caratterizza il sussurro ed il colore del fremito. Le quattro sezioni nelle quali si suddivide il volume: “L’andare dell’amore”, “L’andare delle donne”, “L’andare dell’andare”, “L’andare della vita” sono concatenate dall’incedere di un motivo dominante che arricchisce la scrittura per emozioni, visioni, illusioni, incisioni, apparizioni, ricamando il tessuto originale di una scrittura del tutto personale e particolarmente ricca. Continua a leggere →

0

LA POESIA DELLA SETTIMANA: SOFFICI

Ardengo Soffici

AEROPLANO
Mulinello di luce nella sterminata freschezza
zona elastica della morte
Crivello d’oro girandola di vetri venti e colori
Si respira il peso grasso del sole
Con l’ala aperta W Spezia 37 sulla libertà
La terra ah! case parole città
Agricoltura e commercio amori lacrime suoni
Fiori bevande di fuoco e zucchero
Vita sparsa in giro come un bucato
Non c’è più che una sfera di cristallo carica di silenzio
esplosivo enfin
Oggi si vola!