0

LA ROMA DI ELIO FILIPPO ACCROCCA

LA ROMA DI ELIO FILIPPO ACCROCCA

Elio Filippo Accrocca (1923 ̶ 1996) è uno dei maggiori interpreti della poesia italiana del secondo dopoguerra: nelle sue liriche, improntate ora a una pensosa consapevolezza della realtà, ora a una vivace simbologia, ora a una volontà di sperimentazione, è costante la presenza di Roma. Dal suo sodalizio con gli amici pittori e soprattutto con Vespignani, Buratti e Muccini nacque il cosiddetto “Gruppo di Portonaccio”. Le sue tre prime raccolte di poesie, composte prevalentemente negli anni del secondo dopoguerra (Portonaccio, 1949; Caserma 1950, 1951; Reliquia umana, 1955, ripresi poi e confluiti, con altri versi scritti anche prima del 1949, in Ritorno a Portonaccio, 1959) delineano l’immagine di una sofferta presenza umana che, al di là dell’occasione  ̶  la guerra, la vita di caserma, l’esistenza amara nella borgata  ̶  ricerca, con cadenze elegiache in cui l’eco più viva è quella ungarettiana, la ragione del vivere ed esplora, con pensosa consapevolezza, la realtà circostante. A un diverso registro linguistico, a nuove combinazioni di “innesti” tra voci diverse (slogan politici o sociologici, dichiarazioni, ritagli di giornali ecc.), nel gusto nuovo del “collage”, s’ispira l’altra raccolta di versi Innestogrammicorrispondenze (1966). Seguono le liriche Del guardare in faccia (1969); Europa inquieta (1972); Paradigma (1972); Roma così (1973), ove la presenza di Roma, costante nella lirica di Elio Filippo Accrocca, si apre a una più vivace simbologia; Due parole dell’al di qua (1973) e, infine, Siamo non siamo (1974), ove, accanto a liriche già apparse nelle precedenti raccolte, si colloca l’ultima sezione del volume, Domande, il culmine, forse, della poesia di Elio Filippo Accrocca, ora tutta tesa alla tragica rievocazione della morte del figlio in accenti che oscillano tra un disperato richiamo e una raccolta amarezza. Nelle raccolte successive, quali Contromano (1987), Il  superfluo (1980), Bagage (1984), Esercizi radicali (1984), Copia difforme (1986) e Lo sdraiato di pietra: poesie 1977 ̶ 1990 (1991), è presente un più complesso intento di sperimentazione. Tendenza, questa, che ha caratterizzato la fase più recente della sua produzione e che emerge negli Epigrammi (1993), raccolta di versi satirici fondati sui nomi dei personaggi di attualità.

Treccani

16

Scrivi un commento